martedì 6 settembre 2011

Il caso dei libri scomparsi - Ian Sansom

Veniamo alla mia ultima lettura il prima libro della serie del bibliotecario di Tundrum, "Il caso dei libri scomparsi" di Ian Sansom.

Appena arrivato da Londra nella piccola cittadina di Tundrum, Irlanda del Nord, per ricoprire il suo primo posto come bibliotecario, il giovane Israel Armstrong scopre che in effetti il suo posto non c'è, né la biblioteca, né i libri... E questo non è che l'inizio dei suoi guai. Nel giro di poche ore infatti perde vestiti, soldi, carte di credito, e forse anche fidanzata, s'imbatte in una serie di personaggi con i quali immancabilmente entra in conflitto, viene alloggiato niente meno che nella stia dei polli di una fattoria e si ritrova incastrato al volante di un vecchio furgone arrugginito che funge da biblioteca semovente, ma senza scaffali. Peccato però che i libri continuino a mancare: 15.000 volumi, per lìesattezza, scomparsi. Chi mai li avrà rubati? E perché? Ma soprattutto, ci sarà in quell'angolo di mondo dimenticato da Dio un posto decente dove poter bere un cappuccino decente e leggersi il giornale? Israel vuole delle risposte. 

Dopo aver tanto desiderato questo libro, devo dire che sono rimasto molto deluso. Ovviamente non mi aspettavo che lindagine sia ai livelli del giallo, ma il vero motivo del libro come il trovarsi in un paese straniero in mezzo a persono diffidenti  il tema portante del libro è motlo deludente. Tutta la varietà di personaggi, tutti sopra le righe non da un minimo impatto al libro  tutto resta solo abozzato, e il libro seppur di poche pagine risulta per nulla scorrevole. Il processo di integrazione di Israle è inesistente e spero decisamente che gli altri libri siano migliori, e che magari mostrino quello che è mancato qui.

1 commento:

  1. Leggi, leggi... tanto prima opoi ti racchiappo hihihi

    RispondiElimina

Grazie della visita, se mi lasci un commento a me fa piacere :)

Ti potrebbero interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...